Emergenza crisi idrica nel corno d'africa

MANCA L'ACQUA, MANCA IL CIBO e MORIRE DI FAME È ANCORA POSSIBILE

siccità

Nel Corno d'Africa attualmente è in corso la più grave crisi idrica del secondo dopoguerra: secondo le Nazioni Unite si tratta di “una situazione che non ha precedenti negli ultimi 70 anni”.
Quel che è sicuro sono i numeri drammatici in tutti i paesi del Corno d’Africa.

I Numeri dell'Emergenza.

Etiopia
5,6 milioni di persone in condizioni di pericolo a causa della mancanza d'acqua.

Kenya
le persone che hanno bisogno di assistenza umanitaria urgente sono 2,6 milioni, fra loro 363.000 bambini e donne per colpa della crisi idrica.

Sud Sudan:
su 12 milioni di abitanti quasi 5 milioni vivono in condizioni di insicurezza a causa della crisi idrica. 1,83 milioni di persone hanno abbandonato le proprie case e 1,3 milioni ha cercato rifugio nei paesi vicini.

Somalia
paese poverissimo, conta 3 milioni di persone che vivono in condizione di insicurezza a causa della crisi idrica, 363.000 bambini sotto i 5 anni di età soffrono di malnutrizione acuta e di questi 71.000 sono a rischio di perdere la vita.

È questo il quadro drammatico che, attualmente, fa del Corno d'Africa una delle aree più povere e martoriate del mondo. L'opinione pubblica sembra essersi dimenticata di questo angolo d'Africa e i bambini, come sempre, sono coloro che soffrono maggiormente.
Ed è proprio qui, in questa terra poverissima, che noi di SOS Villaggi dei Bambini abbiamo rafforzato la presenza, realizzando dei progetti di aiuto e di assistenza all'emergenza.

Quello che abbiamo fatto
e quello che ancora possiamo fare.

  • In Etiopia alla fine del 2016 abbiamo avviato un programma di protezione per bambini e famiglie nelle zone di Harar e Gode.
  • In Sud Sudan il programma di SOS Villaggi dei Bambini - iniziato nel luglio 2016 – prevede l'assistenza umanitaria, la protezione e la fornitura di viveri e acqua a bambini e famiglie nell'area di Juba.
  • In Kenya, nella zona di Marsabit, una delle più colpite dalla carestia, siamo impegnati ad assistere 3 comunità nelle quali la mancanza di cibo e acqua, mette a rischio la vita di tantissimi bambini.
  • Infine in Somalia – uno dei paesi più colpiti da questa drammatica carestia - siamo impegnati con il Centro Medico SOS dove ogni giorno i nostri medici lottano per salvare la vita ad un numero crescente di bambini affetti da malnutrizione e malattie provocate dalla mancanza di cibo, acqua pulita, igiene.

Il Villaggio SOS è una realtà fatta di case, di persone che lo abitano, di bambini che crescono sentendosi protetti e sapendo che c'è chi si prende cura di loro. È parte integrante della comunità, che sostiene nel suo sviluppo grazie a servizi e programmi dedicati a famiglie in difficoltà.

siccità


siccità

La storia di Halimo

Quando Halimo e la sua famiglia arrivarono a Hargeisa, la capitale del Somaliland, vendettero la loro ultima capra per 10 dollari. Il resto delle capre, pecore e cammelli era morta a causa della mancanza d'acqua che stava devastando la regione. Come centinaia di altre famiglie di sfollati nel Somaliland, la famiglia di Halimo è stata aiutata dai soccorsi di emergenza ricevuti da SOS Villaggi dei Bambini.

"Quando il nostro bestiame è morto a causa della siccità, abbiamo deciso di recarci in città per trovare lavoro", dice Halimo Dahir. Halimo, suo marito e i loro sei figli ora vivono in un piccolo rifugio in un campo profughi a due ore di distanza dalla città.

L'aiuto di SOS Villaggi dei Bambini


SOS Villaggi dei Bambini ha fornito supporto attraverso un programma di soccorso di emergenza in modo che la famiglia potesse acquistare cibo. "Prima di ricevere l'aiuto del programma di emergenza SOS Villaggi dei bambini, non abbiamo mangiato tutti i giorni e non abbiamo mai avuto più di un pasto al giorno", dice Halimo.

Le autorità nella regione del Somaliland stimano che un milione di persone, in un territorio di oltre 3,5 milioni, sia colpite dalla crisi idrica. Molte persone si affidano esclusivamente alla comunità e ai soccorsi internazionali.

Cosa Aspetti? Fai il Primo Passo!